Perche e dove studiare in Inglese?

Le Università Italiane sono un grande paradosso: abbiamo alcune delle menti più geniali e brillanti del mondo, ma purtroppo burocrazia, nepotismo, corruzione e lentezza al cambiamento rendono alcune facoltà obsolete e non sufficienti a prepararci al mondo del lavoro e del business di oggi. Senza considerare che anche il mercato del lavoro in Italia è da decenni agonizzante.

WorkWhileStudying-2016-StudyUSAblog

Per molti la soluzione a tutto ciò è emigrare in partenza: invece di aspettare di laurearsi, partire subito per formarsi altrove, studiando in un’altra lingua. Quale soluzione più flessibile che studiare in inglese?

Molti scelgono l’Inghilterra o l’America, ma entrambe sono mete inflazionate, in cui non è poi così facile rimanere dopo gli studi vista comunque la grande concorrenza dei locali. Per questo molti preferiscono l’Australia Paese che ha bisogno ogni anno di migliaia nuovi lavoratori, professionisti e imprenditori, visto che l’economia cresce velocemente, lo spazio e le risorse ci sono ma la popolazione è poca rispetto all’enorme territorio.

Studiare in Inglese è la marcia in più che serve per farsi subito una posizione ed una carriera in questa terra di opportunità. Certo per gli Italiani è difficile all’inizio: il nostro inglese di solito è pessimo, anche chi ha fatto corsi privati extrascolastici spesso si è trovato con metodi teorici che hanno dato un bagaglio grammaticale allo studente ma poca elasticità mentale necessaria all’uso quotidiano della lingua.

School-of-English-London-3

Ecco i consigli per chi vuole studiare in inglese ed è spaventato dalla barriera linguistica.

Prima di iscriversi procurarsi del materiale in lingua delle materie di interesse. Iniziare a familiarizzare con il linguaggio specifico leggendo, traducendo e facendo riassunti in inglese di qualche pagina di testo al giorno. Questo è importante per non restare indietro durante le lezioni e nello studio, ancora prima di acquisire fluidità nel parlato.

Guardare film e documentari in inglese è sempre un consiglio valido, ma la vera sfida è guardare video comici. Se riesci a capire le battute e le freddure, sopratutto i giochi di parole, significa che inizi ad avere la lingua sotto controllo. Di solito i comici sono anche veloci nel parlare per cui all’inizio avrei molte difficoltà. Ci sono tanti video su youtube di comici in inglese sottotitolati dai fan in italiano, puoi iniziare con quello e poi passare alle serie tv. La brevità ed il fatto che ti diverti aiuteranno a non fare pesare l’apprendimento.

Chatta! Puoi connetterti con migliaia di persone di tutto il mondo per parlare di quello che vuoi. Una delle App migliori si chiama Wakie e permette di cercare persone con cui chattare e chiamare in base alla lingua ed alla tematica, ed ha anche la simpatica funzione che ci permette di metterci in lista per farci svegliare la mattina (o chiamare a qualsiasi ora impostata) da un estraneo da qualsiasi parte del mondo. Il fatto che si impostano le conversazioni in base all’argomento aiuta molto a sbloccarsi riguardo a tematiche di studio, ma si può anche parlare del più e del meno. Comunque qualsiasi app o social va bene; Instagram, Twitter, Gruppi di Facebook… alla fine bisogna solo sbloccarsi e parlare!